Notizie

Premio Mario Diana 2020 a suor Alessandra Smerilli

Caserta (Italia) Immagine correlata a Premio Mario Diana 2020 a suor Alessandra Smerilli

Caserta (Italia). Il 22 gennaio 2020, presso il Complesso Monumentale del Belvedere di San Leucio (Caserta), nel corso del Forum TIME to DARE, suor Alessandra Smerilli, Figlia di Maria Ausiliatrice, Docente Ordinario di Economia Politica alla Pontificia Facoltà di Scienze dell’Educazione «Auxilium» di Roma e Consigliere di Stato della Città del Vaticano, ha ricevuto il Premio Mario Diana 2020.

TIME to DARE - tempo di osare, o contaminando italiano e inglese, tempo di dare - è un evento promosso dalla Fondazione Mario Diana, dalla Diocesi e dalla Caritas di Caserta con lo scopo di presentare il progetto sulla piattaforma digitale del dono che la Fondazione e la Chiesa casertana vorranno lanciare nei prossimi mesi. Una piattaforma digitale della condivisione, una banca del dono sul web per mettere in contatto chi può donare e chi ha bisogno di un aiuto: momentaneo o per un periodo più lungo. La novità non è solo nella Banca del dono, ma anche nelle modalità dell’ideazione, a partire dai giovani: un hackathon, cioè una collaborazione intensiva di giovani informatici ed esperti di scienze sociali per la realizzazione di una piattaforma digitale, che si è tenuto durante il primo giorno della manifestazione, il 21 gennaio.

Il giorno dopo, il 22 gennaio, è stata invece la volta del forum, con l’intervento straordinario degli economisti Luigino Bruni e suor Alessandra Smerilli.

Nel pomeriggio, suor Alessandra ha ricevuto il premio Mario Diana, in memoria dell’imprenditore casertano che la mattina del 26 giugno del 1985, a soli 49 anni, fu ucciso per aver difeso dalla camorra la sua società di trasporti. Nel 2018 il premio era stato assegnato ad altre due donne: la ginecologa romana Antonia Testa e Floriana Malagoli, Presidente dell’Associazione, che assiste i senza tetto della città di Caserta.

A consegnare il riconoscimento, alla presenza del Vescovo di Caserta Mons. Giovanni D’Alise, Ilaria e Maria Antonietta Diana, nipoti di Mario Diana.

Queste le motivazioni del Premio:

Ad Alessandra Smerilli che, attraverso la ricerca scientifica e l’impegno in ambito sociale ed ecclesiale, ha saputo incarnare la scelta vocazionale salesiana mettendo a frutto i suoi talenti, usando la potente e disarmante forza del dialogo per costruire relazioni e progetti improntati sulla logica del dono e sulla cultura della reciprocità; per aver accompagnato centinaia di studenti nella loro complessa e sfidante esperienza formativa svolgendo il suo lavoro di docente con passione; per la sua narrazione piena di tensione etica, come dimensione fondante dell’economia civile e di comunione, di attenzione agli ultimi, ai giovani, alle periferie; per la sua curiosità umana e intellettuale, per l’instancabile attrazione verso un’ecologia integrale della persona umana, per la custodia dell’ambiente e degli ambienti in cui si è trovata a lavorare, per i talenti giovani e adulti che ha saputo mettere in rete, assieme alle espressioni più originali e creative della società civile in difesa del bene comune, per quanto – lei donna - ha dato e sta dando per il rinnovamento delle strutture della Chiesa istituzionale; che oggi le conferiamo il Premio Mario Diana 2020”.

0 Commenti Scrivi un commento

    Non ci sono commenti
  • Scrivi un commento