Notizie

Un cammino di sguardi

Castelgandolfo (Italia) Immagine correlata a Un cammino di sguardi

Roma (Italia). Nella Comunità di Santa Rosa, a Castelgandolfo, dal 17 febbraio 2019, si sono svolti gli Esercizi Spirituali delle giovani del Periodo di Verifica e Orientamento e alcune giovani in discernimento delle Ispettorie Italiane.

L’esperienza raccontata dalle giovani partecipanti:

«Siamo arrivate a Castel Gandolfo domenica 17 febbraio, giornata in cui abbiamo avuto modo di conoscerci più da vicino tra di noi e con il sacerdote, il salesiano don Francesco Galante, della comunità salesiana di Livorno. Con la Celebrazione della Santa Messa abbiamo cominciato ufficialmente l’esperienza degli Esercizi.

Ad accompagnarci nel corso delle giornate sono state Suor Gabriella Garofoli, Suor Paola Casalis e Suor Elena Ongarato, Consigliere per la formazione rispettivamente delle Ispettorie Romana, Piemontese e Triveneta. Ci hanno guidato accompagnato nei diversi tempi del quotidiano per vivere in pienezza ogni occasione di incontro con il Signore. Ogni giorno abbiamo potuto, infatti, accostarci alla Parola, vivere tempi di silenzio e di meditazione, celebrare l’Eucarestia, sostare davanti a Dio nell’Adorazione Eucaristica, condividere dubbi, e i frutti delle nostre riflessioni sperimentando una vivace fraternità fra noi.

Il tema che ci ha accompagnato è stato quello dello sguardo, uno sguardo capace di cercare, muovere, sciogliere e offrire speranza. Attraverso le Lectio sul Vangelo e le riflessioni su alcune figure carismatiche della Famiglia Salesiana, Don Francesco ci ha orientato nelle dinamiche del discernimento, permettendoci di cogliere e portare a casa strumenti e “occhi” per metabolizzare la ricchezza ricevuta e iniziare gli “esercizi” del quotidiano.

Durante l’ultima giornata trascorsa a Santa Rosa abbiamo avuto l’opportunità di verificare l’esperienza trascorsa, evidenziando la bellezza di quanto vissuto. A noi giovani del PVO è stata offerta la possibilità di un confronto diretto su ciò che ognuna sta vivendo nella propria comunità, dialogando su impressioni personali e condivise che accompagnano il nostro percorso.

Sono stati giorni intensi di silenzio e preghiera ma anche pieni di quella bella e sana allegria di cui Don Bosco e Madre Mazzarello sono stati maestri. Non possiamo che farne tesoro, grate per quanto ricevuto e desiderose di continuare a camminare insieme per approfondire l’incontro personale con il Signore».

0 Commenti Scrivi un commento

    Non ci sono commenti
  • Scrivi un commento