Chi siamo

Figlie di Maria Ausiliatrice

Un'immagine raffigurante una ragazza che sta scrivendo su un laptop

Siamo una famiglia religiosa nata dal cuore di San Giovanni Bosco e dalla fedeltà creativa di Santa Maria Domenica Mazzarello. Don Bosco ha scelto questo nome perchè ci ha volute come un monumento vivo di grazie alla Madonna.

A Torino la scelta di fondare una istituzione in favore delle giovani è venuta a Don Bosco dalla sollecitazione di varie persone; dalla constatazione dello stato di abbandono e povertà in cui si trovavano molte ragazze; dal contatto con vari Istituti femminili; dalla profondità della sua devozione mariana; dalla conferma del Papa Pio IX che lo incoraggiò verso questa via; da ripetuti "sogni" e fatti straordinari da lui stesso raccontati.

Contemporaneamente a Mornese, sui colli del Monferrato, la giovane Maria Domenica Mazzarello animava un gruppo di giovani donne che si dedicavano alle ragazze del paese, con lo scopo di insegnare loro un mestiere, ma soprattutto con l'impegno di orientarle alla vita cristiana.

A distanza, due segnali sulla stessa lunghezza d'onda mandavano un identico messaggio: doveva nascere anche per le bambine e le giovani l'ambiente educativo che già c'era a Torino-Valdocco, per i ragazzi ad opera di Don Bosco. Maria Domenica Mazzarello fu confondatrice nel dare vita, forma e sviluppo alla nuova istituzione.

Il 5 agosto 1872 il primo gruppo di giovani donne pronunciarono il loro "sì" come la Vergine Maria per essere "aiuto" soprattutto tra le giovani.

"Per un dono dello Spirito Santo
e con l'intervento diretto di Maria,
San Giovanni Bosco
ha fondato il nostro Istituto
come risposta di salvezza
alle attese profonde delle giovani.
Gli ha trasmesso un patrimonio spirituale
ispirato alla carità di Cristo Buon Pastore,
e gli ha impresso un forte impulso missionario."
(Costituzioni FMA, n°1)